Urologia

Se non trovate le informazioni che state cercando, non esitate a contattarci per telefono, via e-mail o tramite il modulo di contatto. Il nostro staff e i nostri medici sono a vostra disposizione per rispondere a eventuali domande.
 

Definizione

L'urologia è una specialità medica e chirurgica che tratta tutte le malattie che colpiscono i reni, l'uretere, la vescica e l'uretra di entrambi i sessi. L'urologo visita pertanto sia le donne che gli uomini. 

L'urologia è anche conosciuta come il campo medico che si occupa dei genitali maschili come la prostata. 

Il monitoraggio urologico va dalla prima diagnosi all'ultimo appuntamento di controllo, in modo che il paziente possa beneficiare di un'assistenza completa da parte dello stesso medico e nel comfort della stessa clinica dall'inizio alla fine del trattamento

Le patologie urologiche più frequenti sono il tumore alla prostata e le infezioni delle vie urinarie.

 

Il tumore alla prostata

Definizione

Il tumore alla prostata è il cancro più comune negli uomini dopo i 50 anni. Solitamente si evolve lentamente e diventa metastatico solo dopo diversi anni di evoluzione. L'età al momento della diagnosi assume quindi un’importanza decisiva. Con il termine tumore si intende lo sviluppo incontrollato di cellule che invadono i tessuti circostanti. Queste cellule possono anche migrare verso altri organi, assumendo il nome di metastasi. 

Solitamente il tumore alla prostata ha inizio nella parte esterna della ghiandola. Per questo motivo è possibile riscontrare delle anomalie a partire dal retto. Se non opportunamente trattato, il tumore alla prostata può provocare gonfiore alle gambe a causa dell'ostruzione del flusso linfatico, dolori ossei, ma anche disturbi renali e infine la morte.

Sintomi

  • Minzioni frequenti (bisogno di urinare frequentemente)
  • Indebolimento del flusso urinario
  • Minzione dolorosa
  • Difficoltà a urinare correttamente
  • Sangue nelle urine 
  • Disfunzione erettile
  • Incontinenza 

Esami

L'unico modo per ottenere una diagnosi formale è un prelievo tissutale (biopsia). La MRI (imaging a risonanza magnetica) è una fase fondamentale per individuare con maggiore precisione l'area sospetta nella prostata. Con l'aiuto delle immagini ottenute e della biopsia, saremo in grado di stabilire lo stadio del tumore, ovvero il suo grado di aggressività (punteggio di Gleason) per poter proporre una terapia appropriata.

Diagnosi e trattamenti

Esistono due categorie molto diverse di tumore alla prostata: il tumore localizzato e localmente avanzato, e il tumore metastatico, le cui cellule si sono già diffuse in altri organi. Il tumore localizzato può essere curato, così come il tumore avanzato. Ma a lungo termine tenderà sempre a sfuggire al trattamento. Oggi, grazie allo screening, la maggior parte dei tumori di nuova diagnosi sono allo stadio localizzato, e quindi curabili.

Esistono quattro diverse opzioni:

Il monitoraggio attivo
È un trattamento adatto a tumori non troppo aggressivi (con punteggio di Gleason inferiore a 7), non palpabili e con PSA basso (inferiore a 10). Questi criteri vengono costantemente rivalutati.

Il vantaggio: non prevede trattamenti immediati
Lo svantaggio: il paziente dovrà convivere con un tumore non trattato, con il rischio che peggiori rapidamente.

L’intervento chirurgico
La prostatectomia radicale è un'operazione che mira a rimuovere completamente la prostata, la sua capsula e le vescicole seminali. Richiede la riconnessione della vescica al canale urinario (anastomosi vescico-uretrale). Anche i linfonodi vengono rimossi. Le nostre cliniche propongono il metodo con robot assistito (Da Vinci), che migliora la visione del chirurgo e la precisione della procedura chirurgica. 

La radioterapia
Questo metodo è raccomandato per gli uomini di età superiore ai 70 anni, ma può essere indicato anche per gli uomini più giovani che presentano controindicazioni mediche all'intervento chirurgico. La radioterapia distrugge le cellule tumorali con le radiazioni. Può essere interna (brachiterapia o curieterapia) o esterna (radioterapia conformazionale).

La terapia focale con ultrasuoni ad alta intensità (HIFU)
Si tratta di una terapia ideale per i piccoli tumori poco aggressivi. Il Focal One è un dispositivo che concentra gli ultrasuoni sulla parte malata della prostata e ne consente la rimozione senza ricorrere alla chirurgia. Il monitoraggio del trattamento è assicurato da risonanze magnetiche e il dosaggio del PSA viene calcolato sul principio della sorveglianza attiva. 

La decisione su quale terapia utilizzare dipende da diversi fattori e viene presa dopo un'attenta riflessione tra il paziente e i medici. I fattori da valutare includono lo stadio (T) e il grado del tumore (Gleason). 
Lo stato generale di salute del paziente, la sua anamnesi, i metodi disponibili e l'esperienza dei medici, nonché le sensazioni personali del paziente rispetto ai diversi approcci, saranno gli elementi che consentiranno di scegliere la terapia nella maniera più serena possibile.

Presa in carico

Swiss Medical Network offre trattamenti all'avanguardia, compresa la chirurgia robotizzata con il robot Da Vinci. La prostatectomia eseguita con questo robot è diventata la tecnica chirurgica di riferimento. 

Infatti, la qualità della dissezione prostatica è fondamentale e la tecnica robotica consente una visione migliore (3D) e una migliore precisione (assenza di tremori, riduzione dei movimenti e scomparsa dell'effetto leva che si può ottenere con uno strumento convenzionale introdotto nella cavità addominale).

I principali vantaggi per il paziente

  • Maggiore sicurezza
  • Precisione nella dissezione
  • Piccole incisioni
  • Vantaggi combinati della chirurgia mini-invasiva:
  • Riduzione del sanguinamento
  • Riduzione delle infezioni
  • Riduzione del dolore
  • Ricovero e convalescenza più brevi

 

Le infezioni delle vie urinarie

Definizione

Esistono 3 diversi tipi di infezioni delle vie urinarie.

  • La più comune, chiamata "Cistite", è un'infezione causata dal batterio Escherichia coli, solitamente presente nell'intestino, che sale attraverso la flora digestiva e fecale lungo l'uretra per proliferare nelle vie urinarie. La cistite provoca un'infezione delle vie urinarie ed è spesso associata a uretrite (infiammazione dell'uretra).
  • L'uretrite infettiva è un'infezione dell'uretra. Il più delle volte si tratta di un'infezione sessualmente trasmissibile (MST).
  • La pielonefrite è una condizione più grave e corrisponde a un'infiammazione del tessuto renale. Oltre ai sintomi standard della cistite, è accompagnata da febbre molto alta e forti dolori lombari. 

Sintomi

  • Bruciore o dolore durante la minzione
  • Minzioni frequenti (bisogno di urinare frequentemente) 
  • Costante sensazione di avere bisogno di urinare 
  • Minzione maleodorante e disturbi della minzione
  • A volte presenza di sangue durante la minzione
  • Febbre e brividi (in caso di pielonefrite) 

Trattamenti

Le infezioni delle vie urinarie sono solitamente trattate con antibiotici. 

Presa in carico

I nostri medici procederanno a un’anamnesi per scoprire l'entità dei disturbi della minzione ed eventuali precedenti. È inoltre possibile effettuare uno striscio urinario, il quale indicherà o meno la presenza di neutrofili e nitriti. Un esame citobatteriologico delle urine consentirà di confermare la diagnosi.

 

Altre patologie di competenza dell'urologo

  • Calcoli urinari
  • Tumori alla vescica, ai reni e ai testicoli
  • Incontinenza urinaria e disturbi urinari femminili
  • Iperplasia prostatica benigna e disturbi urinari maschili
  • Salute maschile/andrologia
  • Fertilità

 

Emergenze urologiche, quando consultare immediatamente un medico

  • In caso di torsione dei testicoli: se il testicolo non viene operato rapidamente (liberazione del testicolo, detorsione e orchidopessi, fissaggio del testicolo nella posizione corretta), si rischia l’atrofia del testicolo.
  • In caso di colica nefritica acuta, che causa dolori molto intensi; secondo le donne che hanno partorito, l’intensità del dolore è paragonabile a quella delle contrazioni al momento del parto. La colica renale è spesso causata da calcoli renali o ureterali; oltre al trattamento farmacologico del dolore, si rende talvolta necessario il posizionamento di un catetere ureterale (pigtail).
  • In caso di urosepsi (setticemia a causa di infiammazione delle vie urinarie). Quando è associata a congestione renale, è necessario il posizionamento urgente di un catetere ureterale. 
  • Se è possibile vedere a occhio nudo del sangue nelle urine (macroematuria). 
  • In caso di lesioni a danno degli organi genitali, l’urologo si occupa del trattamento immediato, generalmente per via chirurgica.

 

Avete altre domande? Siamo a vostra disposizione, non esitate a contattarci.